LAURO (PDL): «DI TREMONTI RICORDEREMO LA RIFORMA DEL GIOCO D’AZZARDO»

«Dopo aver commissariato, con il sostegno della Lega, il governo di centro-destra, condizionato Berlusconi, insolentito ministri e operato scelte traumatiche per il sistema economico nazionale senza pensare mai alla ripresa, un Tremonti resuscitato pontifica, oggi, sul futuro. Avrebbe fatto meglio a tacere. Di lui non si ricorda alcuna riforma strutturale, tranne quella di aver devastato socialmente il nostro Paese con il trionfo del gioco d’azzardo». Parole di Raffaele Lauro, senatore Pdl e membro della commissione Affari costituzionali, da sempre censore delle scelte governative in materia di gioco pubblico che, ad onor del vero, hanno avuto origine dal decreto Bersani del 2006 (e per le slot ancor prima) con le cosiddette liberalizzazioni.

«Nessun uomo di governo dell’economia, nella storia d’Italia, ha avuto in mano una concentrazione di potere decisionale e per un tempo tanto lungo, come Giulio Tremonti, neppure grandi riformatori come Luigi Einaudi ed Ezio Vanoni», ha aggiunto il parlamentare.  Sono i primi sassolini che spuntano dalle scarpe di quei parlamentari che hanno dovuto “obbedir tacendo” ai diktat dell’ex ministro?

Gianfranco Bonanno


Archivio articoli categoria News